Archive for gennaio 2009

Formula 1 a Roma

gennaio 28, 2009

gran-premio-a-romaUn Gran premio a Roma. Una proprosta interessante che potrebbe diventare realtà nel 2011. La notizia è riportata sui siti dei maggiori quotidiani nazionali (su Gazzetta dello Sport e su Corriere della Sera), ma l’Italia ha bisogno di un’altro appuntamento nel Mondiale di Formula 1?
La scomparsa di Imola fa male, e tornare ad ospitare due gare della massima serie, sarebbe importante per l’immagine sportiva nazionale. Solo che dopo la critiche rivolte ai circuiti cittadini, così poco interessanti, non sembra logico aggiugere carne al fuoco.
Le regole attuali, studiate per consentire più sorpassi e spettacolo, si sposerebbero perfettamente con le competizione sulle strade cittadine. Diventa un affare, sia in termini di ascolti sia di guadagni, un sopparso mozzafiato vicino al Palazzo della Civiltà Italiana in zona EUR a Roma.
Disputare un Gran Premio a Roma o in qualsiasi città del mondo non è importante, quello che cercano gli appassionati di motori sone le competizioni. Fiato sospeso, coraggio e adrenalina generano i miti, e lo sport vive di personaggi. Per questo, se a Roma arriverà un Gran Premio, sarà essenziale far in modo che questi miti continuino a crescere affrontando uno dei circuiti più difficili della stagione. Partire da zero può essere una carta in più da sfruttare in questo senso. Ma Roma non oscurerà mai la fama di Monza, e non metterà a rischio la sua esistenza.
Il circuito italiano dove la Formula 1 trova il suo habitat naturale, non teme confronti con nessun luogo al mondo. Il motorsport di Monza è automobilismo puro ed è, e resterà, leggenda.

Annunci

Milano. Piste ciclabili queste sconosciute

gennaio 23, 2009

Navigli: la darsena della discordia

gennaio 22, 2009

Assieme ai colleghi Pietro Bellantoni e Oscar Puntel, ho realizzato un servizio video sui navigli milanesi. In particolare il parcheggio della Darsena. Importante per le attività commerciali della zona, ma dannoso per i residenti.

Cronaca d’Italia

gennaio 9, 2009

Il mondo va, realmente, troppo in fretta. Molti fatti accadono, e dopo lo sdegno tutto ricomincia. Però talvolta bisognerebbe fermarsi e pensare.

 La capacità di dimenticare sembra un male congenito della nostra società, dove gli uomini parlano e discutono ma non riescono ad archiviare le loro parole. Una società con la RAM danneggiata, che agisce e aggiorna costantemente il diario delle proprie azioni, spesso senza guardarsi indietro.

Una donna disabile che muore d’infarto dopo aver subito un rapina nel napoletano, non è un’altro fatto di cronaca. Si tratta di realtà che deve far riflettere.

Denaro, rapina, male, tanti termini che si legano in molti fatti di cronaca riportati quasi costantemente. Pugni nello stomaco che fanno male e che non lasciano mai indifferenti.